Tag: la ribalta

Mistake, uno spettacolo sperimentale a chiudere la rassegna

MISTAKE, IL 18 E IL 19 MAGGIO AL TEATRO LA RIBALTA DI SALERNO. LO SPETTACOLO SPERIMENTALE CHIUDERÀ LA RASSEGNA I DIVERSI VOLTI DEL TEATRO

Dulcis in fundo, a chiudere la rassegna 2023/24 “I Diversi Volti del Teatro” c’è la Compagnia Teatrale “La Ribalta” di Salerno con lo spettacolo sperimentale Mistake, scritto e diretto da Valentina Mustaro. In scena gli attori della compagnia e il corso di teatro avanzato della scuola della stessa struttura di via Salvatore Calenda, 98. La messa in scena originale e ricca di trovate sceniche, di ricerca e sperimentazione. La corporeità della scena travolgerà il pubblico trascinandolo ad una riflessione sulla parola “errore”.

LE PAROLE DELLA REGISTA VALENTINA MUSTARO: “L’ERRORE COME OPPORTUNITÀ”

Mistake” è uno spettacolo di teatro sperimentale che è nato da un lavoro fatto all’interno del laboratorio avanzato 2023/24 sul tema dell’errore. “Abbiamo iniziato a pensare all’errore come un’opportunità, come una possibilità di cambiamento e quindi non come paura di sbagliare o giudizio dell’errore. – spiega la regista Mustaro – Questi spunti si sono trasformati in performance elaborate dai ragazzi del corso, da lì pur rispettando la loro creatività ho creato un nuovo progetto“.

4 CONCETTI PER (RI)TEORIZZARE L’ERRORE

Le quattro macroaree prese in considerazione per elaborare una nuova idea di “Mistake” sono state:

  1. Errore come opportunità
  2. Formula matematica dell’errore
  3. La mitologia dell’errore
  4. L’errore più bello della mia vita

SINOSSI, LA STRUTTURA SCENICA DI “MISTAKE”

Lo spettacolo inizia con vari personaggi (creati autonomamente da ognuno degli attori). I soggetti in scena sono intenti a fare qualcosa, ognuno concentrato su un obiettivo. L’unica preoccupazione esterna è quella di schivare una palla che ondeggerà sul palcoscenico.

L’ARRIVO DEL “MISTAKE”

Ad un certo punto, però, arriva l’imprevisto: gli attori vanno in tilt, si lasciano andare a terra, si fermano e osservano la palla che lentamente si ferma. Di lì il blackout. È stato commesso un errore.

LO SPETTACOLO DIVENTA INTERATTIVO, IL PUBBLICO RISOLVERÀ IL BLACKOUT

Gli attori ondeggeranno verso il pubblico per poi restare inermi e generare un blackout. L’errore di sistema potrà essere arginato solo dal pubblico al quale sono state fornite delle lucine all’ingresso. Da qui in poi saranno loro i protagonisti interagendo con l’intero spettacolo che vivrà di un “qui ed ora” imprevedibile.

Si riuscirà a trasformare l’errore in opportunità? Forse quella palla che ondeggiava sul palco andava assecondata, abbracciata, piuttosto che evitata.

Il libro della giungla 1.5, Idea Live APS firma l’ultimo appuntamento di Piccole Emozioni

12 maggio. È questa la data da segnare in agenda per l’ultimo appuntamento delle “Piccole Emozioni” 2023/24. A chiudere la programmazione dedicata alle famiglie ci penserà IDEA LIVE APS con “Il libro della giungla 1.5”. Canti, balli e maschere. In una parola: frenetico. Potremmo definirlo così il rinnovato appuntamento con i bambini del Teatro La Ribalta di Salerno. Dal romanzo di Kipling, uno spettacolo per tutte le età, una favola sull’umanità e un inno alla differenza.

IL LIBRO DELLA GIUNGLA, LA STORIA

Tanti anni fa, nella Giungla dell’India, la pantera Bagheera in mezzo ai versi degli animali sentì un suono nuovo: era il pianto di un bambino, un cucciolo d’uomo. Bagheera, che era una pantera saggia, affidò il cucciolo d’uomo al branco dei lupi guidato da Akela, salvandolo dalle grinfie della tigre Shere Khan. Il piccolo venne chiamato Mowgli e crebbe con i lupi. L’orso Baloo divenne suo maestro e amico e lo iniziò alle leggi della giungla. Ma oggi Shere Khan è tornato e reclama la sua preda. Mowgli non è più un bambino, è cresciuto e deve fare i conti con se stesso, riconoscere la sua vera identità.

PARLA IL REGISTA ALESSANDRO TEDESCO

Sotto i riflettori de La Ribalta ci saranno Francesca Cercola, Michela Chirico, Antonio Coppola, Emilia Fauci e Alessandro Tedesco anche regista dello spettacolo. Lo stesso Tedesco racconta la partenza non propriamente fortunata dell’opera: “Questo spettacolo nasce tra il 19 e il 20. A ridosso della pandemia. Ha avuto poca fortuna ed è stato messo in standby”. Ma quella che sembrava una condanna è diventata una nuova opportunità: “Abbiamo deciso di riprenderlo e stravolgerlo donandogli finalmente nuova vita. A differenza della prima versione, una grande novità sarà la musica live sia nella parte strumentale che nella parte vocale”. Ad accompagnare gli attori ci sarà la chitarra di Francesco Marinelli e la tastiera di Vincenzo Lomonaco.

LE MASCHERE E I CAMBI DI SCENA

Poi in un’ultima battuta il regista Alessandro Tedesco aggiunge: “Una delle  particolarità è chi gli animali in scena hanno sembianze e conformità umane ma mantengono le maschere animali, queste ultime sono realizzate in cartapesta a mano da Simona Fredella. Mentre le scene e i costumi sono affidati a Massimiliano Costabile. Gli abiti di scena hanno delle fattezze che favoriranno il cambiamento repentino poiché sono ben tredici le maschere che si alterneranno sul palcoscenico”. La regia audio/luci è affidata ad Alessandro Patente.

Per info 329 216 7636
12 MAGGIO 2024 – ore 11:00 I 17:00 I 19:00
Via Salvatore Calenda, 98 – Teatro La Ribalta Salerno

Una magica avventura: Nessun posto è bello come casa mia

Il Teatro La Ribalta di Salerno si prepara a riaccendere le luci per accogliere i suoi spettatori più giovani con la tanto attesa rassegna “Piccole Emozioni“. Domenica 10 marzo c’è un’avventura straordinaria con “Nessun posto è bello come casa mia“, proposto dalla compagnia teatrale La Ribalta di Salerno.

LIBERAMENTE ISPIRATA AL CLASSICO “IL MAGO DI OZ”

Liberamente ispirata al classico “Il Mago di Oz“, la storia prende vita grazie alla regia di Valentina Mustaro. La trama segue le avventure di un gruppo di piccoli protagonisti in cerca di un luogo speciale che ognuno di noi porta nel cuore: casa. Attraverso ostacoli, incontri insoliti e momenti di paura; i nostri eroi impareranno il valore dell’amicizia, dell’accettazione di sé e degli altri e la forza insita nei propri sogni.

LE AVVENTURE DI DOROTHY

Le avventure della piccola Dorothy in un mondo fantastico in cui è stata trasportata da un ciclone. In compagnia di tre simpatici amici, il leone, lo spaventapasseri e l’omino di ferro, la protagonista sconfiggerà una brutta strega e conoscerà la verità sul misterioso mago di Oz.

PRE-SHOW: SAREMO ALBERI E BABY PLANET

Le tre repliche, previste per le 11:00 – 17:00 – 19:00, saranno introdotte da letture animate a cura della Libroteca Saremo Alberi o momenti di intrattenimento e animazione a cura della ludoteca Baby Planet.

Per info e prenotazioni: 329 216 7636

“Sorrisi e favole”, La bottega di Will ritorna a regalare Piccole Emozioni

Tutto pronto per un nuovo appuntamento di “Piccole Emozioni”, la rassegna che ha fatto innamorare i più piccoli del mondo del Teatro. Questa domenica (19 novembre) tornano a trovarci gli amici de La Bottega di Will con tre repliche (11.00- 17.00 – 19.00). Sul nostro palco verrà portato in scena “Sorrisi e favole” di Teresa Di Florio: “L’idea che ci muove è rendere protagonisti i bambini e i ragazzi che partecipano ai nostri programmi; fare dell’edutainment: l’imparare divertendosi. Questo è il nostro pilastro”.

Sorrisi e favole – trama

Su Solitic, lontanissimo Pianeta della Galassia GH22, una tempesta di rane volanti mangia-ricordi ha distrutto scuole, parchi, biblioteche e ha divorato la memoria di tutti, grandi e piccini. La solitudine e la tristezza regnano su Solitic, soprattutto tra i bambini, che trascorrono tutto il loro tempo libero chiusi nelle loro camerette in compagnia dei videogames. I Meditoni, gli esseri più saggi del Pianeta, dopo anni di studi, decidono di inviare due esploratori spaziali, Tic e Tac, alla ricerca del Pianeta Terra, dove, hanno scoperto, si gioca in compagnia all’aria aperta, si studia nelle scuole e s’inventano favole. Tic e Tac hanno il compito di recupare il maggior numero di informazioni dai terrestri, tornare su Solitic e riportare il Grande Dono ai bambini del loro pianeta.

Obiettivo didattico

“Gli strumenti tecnologici e le loro applicazioni stanno sottraendo man mano fantasia e capacità di immaginazione alla maggior parte dei bambini. – spiega Teresa Di Florio – La Bottega di Will con il suo spettacolo, originale ed inedito, vuole sottolineare quanto è importante usare la propria testa, per pensare, creare, istituire relazioni sane ed immaginare… il Futuro!”

Vi aspettiamo!

Sorrisi e Favole è uno spettacolo molto interattivo, che pone lo spettatore al centro della rappresentazione, tenendo sempre viva la sua attenzione. Lo spettacolo ha avuto già centinaia di repliche nelle scuole, approda al Teatro La Ribalta di Salerno.
Per info e prenotazioni: 329 216 7636 – 089 99 58 245 

Quei figuri di tanti anni fa, il taglio del nastro del cartellone

La bellezza di rivedere la sala Eduardo piena. La bellezza di riascoltare il suono degli applausi. La bellezza de “I Diversi Volti del Teatro”. Ben tornati e buon inizio. Come da tradizione la rassegna de “I Diversi Volti del Teatro” parte dal gruppo della scuola di teatro 2022/23 che ha avuto l’occasione di portare in scena “Quei figuri di tanti anni fa”, il testo di Eduardo De Filippo con la regia di Valentina Mustaro.

Trama

L’atto unico racconta una serata nel “Circolo della caccia”, nome fittizio che serve da copertura per una casa da gioco clandestina, gestita da don Gennaro Fierro. Mentre fervono i preparativi per una serata di gioco, arrivano don Gennaro Fierro e un altro uomo, Luigi Poveretti. Quest’ultimo viene istruito dal gestore del “circolo” per fare il nuovo “palo”, per aiutarlo, cioè, a vincere passandogli opportunamente le carte, sollecitato da determinati segni concordati tra i due. Altro personaggio importante nella bisca è “il Barone”, che ha il compito di trovare giocatori inesperti da utilizzare come “polli da spennare”. Uno di questi è l’avvocato Peppino Fattibbene, che durante la stessa serata viene portato al circolo proprio dal Barone. Da qui si aprirà uno scenario fatto di ripetuti colpi di scena che il pubblico di Salerno ha particolarmente apprezzato.

Prossimi appuntamenti

Il prossimi appuntamento sarà il 28 ottobre alle 21:00 con “Una causa persa” una commedia brillante scritta e diretta da Angelo Sateriale in scena la compagnia “Cicolocchio Spettacoli” di Roma.

Bando 11ª edizione de “I Diversi Volti del Teatro” 2023/2024

Il Teatro La Ribalta di Salerno organizza lundicesima rassegna Teatrale “I diversi volti del Teatro” 2023/24. Sede legale è in via Salvatore Calenda n.98 -­‐ 84126 -­‐ Salerno (SA).

REGOLAMENTO

La direzione artistica del teatro La Ribalta di Salerno, seleziona proposte di spettacolo da inserire nella 11ª EDIZIONE DELLA RASSEGNA TEATRALE “I DIVERSI VOLTI DEL TEATRO” 2023/2024 che avrà luogo nel teatro La Ribalta di Salerno (SA).

Art.1 – Descrizione rassegna

La rassegna “I DIVERSI VOLTI DEL TEATRO” intende proporre spettacoli di diverso genere: comico, drammatico, sperimentale, teatro danza. Le rappresentazioni si terranno da ottobre 2023 a maggio 2024 nelle serate del sabato alle 21.00 e la domenica alle 19.00. Il fine è quello di offrire al pubblico un’offerta ampia che possa diffondere la cultura del teatro in tutte le sue forme.

Art.2 – Selezione

La Direzione artistica del Teatro La Ribalta prenderà visione di tutte le proposte ricevute, selezionerà a suo insindacabile giudizio gli spettacoli che riterrà più in linea con la rassegna e comunicherà il calendario alle compagnie selezionate entro il 25 luglio 2023. Le compagnie selezionate dovranno confermare la loro disponibilità inviando una mail a laribalta@hotmail.it entro cinque giorni dalla ricevuta comunicazione. In caso di mancata conferma, si riterrà annullata la domanda. Alla rassegna possono partecipare tutte le compagnie e i gruppi teatrali costituiti in associazioni culturali, gruppi o singoli attori residenti nel territorio nazionale. Verranno prese in considerazione, esclusivamente opere che dovranno avere una durata effettiva, non inferiore ai 60 minuti. Saranno ammesse alla rassegna, dopo le fasi di selezione effettuate da apposita commissione, 7 compagnie tra quelle che avranno inoltrato domanda.

Art. 3 – Richiesta d’Iscrizione

Le compagnie dovranno inviare la domanda di partecipazione alla mail laribalta@hotmail.it entro e non oltre il 20 luglio 2023. Alla domanda di partecipazione dovranno essere allegati:

  • Sinossi dello spettacolo che si intende presentare;
  • Scheda tecnica dello spettacolo;
  • Foto di scena;
  • Link per la visione di un promo dello spettacolo e un link per la visione dello spettacolo integrale (Youtube, Wetransfer);
  • Dichiarazione di esonero responsabilità da parte del teatro ospitante;
  • Copia dell’avvenuto Bonifico di €25,00 a favore di Ass. La Ribalta con causale: I DIVERSI VOLTI DEL TEATRO 2022 – NOME COMPAGNIA (IBAN: IT 04D 02008 15213 000102124364);
  • Copia dell’Attestato di iscrizione UILT, FITA, TAI o di altra associazione nazionale di teatro amatoriale riconosciuta, aggiornato al 2023 – Qualora la compagnia non sia affiliata dovrà, in caso di selezione, garantire la copertura assicurativa del cast artistico e tecnico;
  • Contatti del referente e generalità del referente;
  • Dichiarazione SIAE (esonero o n. iscrizione)

Art.4 – Rimborsi e compensi

Alle compagnie selezionate spetterà un rimborso di 150€ garantiti. Inoltre, superati i 50 spettatori paganti, il 50% dell’intero incasso sarà destinato alla compagnia selezionata ad eccezione delle spese di siae. Il teatro ha una capienza di 80 posti. Il costo del biglietto è di 10€.

Art .7 – A disposizione della compagnia

Impianto audio, luci e di videoproiezione, come da scheda tecnica che sarà opportunamente comunicata; quadratura nera; eventuali oggetti di scena presenti in deposito di cui la compagnia può usufruire gratuitamente. Per ulteriori necessità le compagnie dovranno provvedere autonomamente.

Art.8 – Disposizioni sulla privacy

Con la partecipazione alla rassegna, la Compagnia accetta integralmente il presente regolamento e autorizza il trattamento dei dati personali (legge 675/96) relativi ad autori, attori, artisti e tecnici protagonisti delle opere e presenti nel materiale complementare, autorizza l’archiviazione delle opere presentate presso la sede del Teatro La Ribalta, il quale si riserva di catalogarle e renderle disponibili per tutte le proiezioni, manifestazioni, trasmissioni ed eventi promossi dalla stessa associazione per scopi promozionali e culturali, comunque non commerciali.

E vissero per sempre orrendi e contenti

Al Teatro La Ribalta di Salerno si avvicina l’ultimo appuntamento anche per la Rassegna “Piccole Emozioni” dedicata ai bambini e alle famiglie. A chiudere la presente edizione 2022/23 sarà proprio la compagnia La Ribalta con lo spettacolo “E vissero per sempre orrendi e contenti” tratto dalla fiaba “Shrek” di Andrew Adamson. L’appuntamento è fissato per domenica, 21 maggio, alle 11:00 – 17:00 – 19:00. Come sempre 3 opzioni in un solo giorno.
Per info e prenotazioni consultare la pagina Facebook o chiamare il numero 329 216 7636.

CAPOVOLGERE I CANONI E FAVORIRE LA DIVERSITÀ

La storia va oltre lo stereotipo della “fiaba tradizionale” e combatte le etichette sociali capovolgendo il nostro modo di vedere la realtà. Il messaggio è dunque nel rispetto e nella accettazione della diversità, poiché la narrazione presenta ai bambini personaggi variopinti e tutti diversi, molto distanti da quelli delle fiabe che sono abituati ad ascoltare. La storia inoltre invita a riflettere sull’importanza di andare oltre le apparenze e oltre la concezione di concepire la donna solo per il suo aspetto fisico o del “vero amore” solo come un sentimento che può sbocciare tra una principessa e un cavaliere. Lo spettacolo parla ai piccoli e grandi spettatori rendendoli come sempre protagonisti della messa in scena.

Noi… Cyrano. Nuova produzione per La Ribalta

Con l’inizio del mese di maggio ritorna in scena anche la compagnia teatrale “La Ribalta” di Salerno per la rassegna “I Diversi Volti del Teatro”. La regista Valentina Mustaro propone una nuova produzione “Noi… Cyrano”, tratto dal Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand.
L’appuntamento è fissato per sabato, 6 maggio, alle 21:00 e domenica, 7 maggio, alle 19:00. Si richiede ai gentili spettatori di arrivare in via Salvatore Calenda, 98 con trenta minuti di anticipo, anche per gustare l’aperitivo di benvenuto.
In scena con la regista Valentina Mustaro ci saranno Carlo Adinolfi, Antonio Carmando, Antonella Guerriero ed Elena Pagano.

SINOSSI

Cyrano de Bergerac è uno scontroso spadaccino dal lunghissimo naso, scrittore e poeta in bolletta dall’irresistibile vitalità. Leggendaria la sua abilità con la spada, almeno quanto la sua passione per la poesia e per i giochi di parole, con i quali ama mettere in ridicolo i suoi nemici, sempre più numerosi grazie al suo carattere poco incline al compromesso e al suo disprezzo verso potenti e prepotenti.
Il protagonista, però, incapperà in un’insapettata sfida: l’amore per la cugina Rossana, innamorata a sua volta di un giovane cadetto, tale Cristiano de Neuvillette. Da qui si intrecciano diverse avventura con una guerra appena scoppiata che fa da sfondo all’intera vicenda.

LA COMMEDIA DELL’ARTE

Ancora una volta la compagnia teatrale La Ribalta ha scelto di approfondire le tecniche e lo stile della Commedia dell’Arte, non solo con le maschere della tradizione che si alterneranno su palcoscenico ma anche attuando quell’intreccio tra reale e fantastico, tra attore e personaggio, tra teatro e metateatro.

I BALLI DI SFESSANIA

Alcune delle pose che andranno a movimentare la scena sono riprese da una serie di stampe dette “I balli di Sfessania” di quel genio dell’incisione che è Jacques Callot. Col suo personalissimo segno grafico, vibrante e preciso, descrive una serie di maschere della commedia dell’arte intente a ballare il ballo di Sfessania, secondo alcuni la forma più antica di tarantella partenopea. All’artista si deve probabilmente anche la confusione tra Commedia dell’arte e Carnevale, poichè nella sua rappresentazione unì i due mondo.

LA DUALITÀ DI CYRANO: OCCIDENTE E ORIENTE

Secondo la regista Valentina Mustaro, nella personalità di Cyrano si nasconde una dualità d’essere che racchiude da una parte la visione occidentale dall’altra quella orientale. Da una parte il protagonista per ideali, carisma e temperamento rimanda al mondo asiatico. Dove non ci si arrende neanche dinanzi la morte. Sull’altro fronte, però, il personaggio principale è anche dedito al romanticismo, con la scrittura di lettere e poesie. Atteggiamento molto più orientato sul nostro patrimonio occidentale.
Questa dualità si riversa nella particolarità dei costumi: le gambe sono coperte da una hakama (un indumento tradizionale giapponese che somiglia ad una larga gonna-pantalone o una gonna a pieghe) e la camicia bianca con gli sbuffi alla francese. Anche i combattimenti non seguono l’idea della scherma come si prevede nell’originale Cyrano ma sono combattimenti con la Catana (spada giapponese leggermente ricurva). La parte tecnica riferita ai combattimenti è stata guidata dal Maestro d’armi Alessio Autuori.

Un nuovo anno per La Ribalta – Conferenza Stampa

È convocata per lunedì 12 settembre alle ore 11,00 presso il Teatro La Ribalta di Salerno (via Salvatore Calenda, 98) la conferenza stampa per presentare al pubblico il nuovo programma teatrale che sancirà la stagione 2022/23.

Un motivo per non mancare?

Lo spazio autogestito, dopo aver raggiunto i suoi dieci anni sotto la guida de La Ribalta, vedrà nuova luce grazie alla determinazione e all’impegno dei soci che hanno interamente rivoluzionato e rinnovato le sale, garantendo anche una maggiore qualità di visione per gli spettatori con l’acquisto di nuove poltrone. Uno sforzo importante per una struttura in autofinanziamento che ha il solo scopo di promuovere la conoscenza del teatro in ogni sua forma e di avvicinare anche le nuove generazioni a questo mondo attraverso workshop, incontri, conferenze e corsi di formazione.  

Assetto che vince non si cambia!

Per quello che concerne lo schema artistico. 18 spettacoli, suddivisi ed organizzati in 2 cartelloni differenti: I Diversi Volti del Teatro e Piccole Emozioni. Due cartelloni per garantire spazio a tutte le tradizioni e le forme teatrali ma soprattutto per accontentare tutte le età, dal più piccolo al più grande spettatore.

Non solo spettacoli

Il tutto sarà impreziosito dalla scuola e dai laboratori teatrali che da tempo ormai sono un punto fermo della nostra associazione. Che ci permettono di formare nuovi attori e attrici, di dare nuova linfa vitale alla nostra realtà che di anno in anno si rinnova e migliora, come testimoniano i tanti premi teatrali nazionali vinti in questa estate.

Insomma, il progetto del Teatro La Ribalta di Salerno è ormai una solida realtà della città di Salerno e della regione Campania. Continueremo a mettere a servizio del nostro territorio talento, cultura e formazione con la speranza in un domani migliore.

Siamo lieti di ricominciare, buon Teatro a tutti. Vi aspettiamo!

Ufficio Stampa 
Antonio Sica 

La bambinaia magica, segna il ritorno delle Piccole Emozioni

Dopo le numerose ripartenze e la possibilità di riaprire la sala al 100%, siamo pronti ad inaugurare la rassegna PICCOLE EMOZIONI, la punta di diamante de La Ribalta, che anche per questo nuovo anno proverà a far sognare i più piccoli con otto appuntamenti, che viste le numerose richieste saranno composti da tre repliche nella stessa data (ore 11.00 – 17.00 – 19.00).

L’appuntamento è per Domenica, 17 ottobre, con LA BAMBINAIA MAGICA. Lo spettacolo è tratto dai libri di P. L. Travers. Una magica tata inglese, vola giù dal cielo soffiata dal vento dell’est, arriva alla casa dei Banks al numero 17 del viale dei Ciliegi, a Londra, dove viene assunta come bambinaia dei fratelli Jane, Michael, John e Barbara Banks e insegna loro lezioni preziose con una gentilezza sregolata.

“Nel nostro caso abbiamo voluto invece porre l’attenzione sulla figura del papà, che sembra autoritario e distaccato – spiega la regista Valentina Mustaro – ma che in realtà si trova in un momento di smarrimento poiché ha perso il contatto con quello che era il suo io bambino”.

Questa perdita è dovuta alle responsabilità e ai numerosi impegni della quotidianità che, come succede a tutti noi, fanno accantonare il bimbo che vive in tutti noi, portandoci a non comprendere più il mondo dei più piccoli.

“E proprio grazie alla bambinaia magica – conclude la regista – che l’uomo riuscirà a ritrovare la bellezza dei più piccoli e della famiglia. Il nostro simbolo è quello dell’aquilone, come simbolo del gioco e della spensieratezza che non dovremmo mai accantonare bensì far tornare a volare”.

Botteghino online: https://www.teatrolaribaltasalerno.it/botteghino-online/

Per maggiori informazioni: 329 216 7636