Tag: valentina mustaro

Workshop teatrale estivo con Claudio Spadola: il corpo non dice bugie

Workshop Teatrale Estivo con Claudio Spadola

Il Teatro La Ribalta in collaborazione con il Maestro Claudio Spadola organizza un workshop teatrale estivo dedicato alla biomeccanica teatrale di Mejerchol’d. Le attività si terranno dal 25 agosto al 1 settembre in una location suggestiva immersa nella natura; una villetta su due piani fronte mare ad Agnone di Cilento, frazione di Montecorice, in provincia di Salerno.

Il corpo non dice bugie

Attraverso un divertente training fisico l’allievo attore forma il suo corpo contemporaneamente alla sua mente facendo quindi propri i basilari principi della Recitazione e della composizione artistica performativa (Regia, Drammaturgia, Improvvisazione). Oltre alla Biomeccanica Teatrale di Mejerchol’d, il laboratorio prevede anche il lavoro di Analisi e Recitazione su uno o più testi seguendo anche il metodo azioni fisiche di Stanislavskij, quello di Michail Cechov e quello di Vasil’ev. Tutti questi costituiscono quello che ogni performer conosce come metodo dall’esterno e tutti sono stati praticati per decenni da Claudio Spadola, al punto da permettergli la creazione della preziosa sintesi che lo ha reso uno dei più interessanti pedagoghi contemporanei.

Dal corpo al testo, la metamorfosi del personaggio

Il contesto fisico in cui il regista immerge l’attore, interpretando in sintesi il senso profondo del testo di una scena, consente all’attore non solo di scoprire un modo organico e originale di rappresentare la metamorfosi del personaggio ma anche di realizzare ogni volta in moda imprevisto la funzione per la quale l’autore, secondo loro, ha inventato quel personaggio. Ciò vale ancor di più se lo spettacolo non si basa su un testo conosciuto ma sulla creazione degli stessi performer col regista, a patto che questa abbia per loro una funzione chiara.

NOTA BENE: è richiesto un certificato medico di sana e robusta costituzione o autocertificazione di buona salute per attività fisica non agonistica.

Offerta e costi

Il costo complessivo e di 500€. Versando una caparra entro il 15.06 il prezzo sarà di 470€.
Compreso nel prezzo: pasti (7 colazioni, 5 pranzi e 6 cene). Alloggio (7 notti). È possibile concordare altri tipi di pasti e pernottamento.

CLAUDIO SPADOLA

Attore e regista. Diplomato al Laboratorio di Esercitazioni Sceniche diretto da Gigi Proietti. È fondatore, direttore e insegnante de La Palestra dell’Attore, specializzatosi all’Accademia di Mosca.

Mistake, uno spettacolo sperimentale a chiudere la rassegna

MISTAKE, IL 18 E IL 19 MAGGIO AL TEATRO LA RIBALTA DI SALERNO. LO SPETTACOLO SPERIMENTALE CHIUDERÀ LA RASSEGNA I DIVERSI VOLTI DEL TEATRO

Dulcis in fundo, a chiudere la rassegna 2023/24 “I Diversi Volti del Teatro” c’è la Compagnia Teatrale “La Ribalta” di Salerno con lo spettacolo sperimentale Mistake, scritto e diretto da Valentina Mustaro. In scena gli attori della compagnia e il corso di teatro avanzato della scuola della stessa struttura di via Salvatore Calenda, 98. La messa in scena originale e ricca di trovate sceniche, di ricerca e sperimentazione. La corporeità della scena travolgerà il pubblico trascinandolo ad una riflessione sulla parola “errore”.

LE PAROLE DELLA REGISTA VALENTINA MUSTARO: “L’ERRORE COME OPPORTUNITÀ”

Mistake” è uno spettacolo di teatro sperimentale che è nato da un lavoro fatto all’interno del laboratorio avanzato 2023/24 sul tema dell’errore. “Abbiamo iniziato a pensare all’errore come un’opportunità, come una possibilità di cambiamento e quindi non come paura di sbagliare o giudizio dell’errore. – spiega la regista Mustaro – Questi spunti si sono trasformati in performance elaborate dai ragazzi del corso, da lì pur rispettando la loro creatività ho creato un nuovo progetto“.

4 CONCETTI PER (RI)TEORIZZARE L’ERRORE

Le quattro macroaree prese in considerazione per elaborare una nuova idea di “Mistake” sono state:

  1. Errore come opportunità
  2. Formula matematica dell’errore
  3. La mitologia dell’errore
  4. L’errore più bello della mia vita

SINOSSI, LA STRUTTURA SCENICA DI “MISTAKE”

Lo spettacolo inizia con vari personaggi (creati autonomamente da ognuno degli attori). I soggetti in scena sono intenti a fare qualcosa, ognuno concentrato su un obiettivo. L’unica preoccupazione esterna è quella di schivare una palla che ondeggerà sul palcoscenico.

L’ARRIVO DEL “MISTAKE”

Ad un certo punto, però, arriva l’imprevisto: gli attori vanno in tilt, si lasciano andare a terra, si fermano e osservano la palla che lentamente si ferma. Di lì il blackout. È stato commesso un errore.

LO SPETTACOLO DIVENTA INTERATTIVO, IL PUBBLICO RISOLVERÀ IL BLACKOUT

Gli attori ondeggeranno verso il pubblico per poi restare inermi e generare un blackout. L’errore di sistema potrà essere arginato solo dal pubblico al quale sono state fornite delle lucine all’ingresso. Da qui in poi saranno loro i protagonisti interagendo con l’intero spettacolo che vivrà di un “qui ed ora” imprevedibile.

Si riuscirà a trasformare l’errore in opportunità? Forse quella palla che ondeggiava sul palco andava assecondata, abbracciata, piuttosto che evitata.

“La vera bellezza si trova nel cuore”, una rivisitazione de “La bella e la bestia”

Domenica 7 Aprile, il Teatro La Ribalta si prepara ad accogliere piccoli e grandi spettatori per un’esperienza teatrale indimenticabile con la compagnia teatrale La Ribalta. Come sempre accade per la rassegna “Piccole Emozioni“, saranno tre le repliche sul palco di Via Calenda, 98: 11.00 – 17.00 – 19.00.

LA VERA BELLEZZA SI TROVA NEL CUORE, PASSIONE E MAGIA

Lasciatevi trasportare in un mondo di magia, passione e vita con “La Vera Bellezza Si Trova Nel Cuore“, una commovente rivisitazione della celebre storia per bambini “La Bella e la Bestia“. Adattata con maestria dalla regista Valentina Mustaro, questa rappresentazione offre uno sguardo fresco e moderno a un classico intramontabile.

UNO SGUARDO OLTRE LE APPARENZE

Non bisogna lasciarsi ingannare dalle apparenze perché la vera bellezza si trova nel cuore” spiega la regista Valentina Mustaro. “È così che Lumière, il maître del castello, introduce i bambini in questo racconto, una fiaba popolare che, nonostante gli anni, giunge ai giorni nostri più attuale che mai. L’amore per i libri, la dolcezza e l’unicità di Belle, una ragazza dal cuore grande, rendono possibile la trasformazione della Bestia“. Quest’ultima, consumata dalla vanità e dall’attrazione per l’effimero, ha smesso di vedere oltre le cose e non è più capace di gesti gentili.

UN MESSAGGIO DI SPERANZA E AMORE

Preparatevi a essere rapiti dalle performance del cast de La Ribalta e ad immergervi in una storia che vi commuoverà e vi lascerà con un messaggio di speranza e amore universale. Vi invitiamo a non perdere questa occasione di vivere un’esperienza teatrale unica. “La Vera Bellezza Si Trova Nel Cuore” vi aspetta al Teatro La Ribalta, Domenica 7 Aprile.

Per informazioni e prenotazioni, contattare il Teatro La Ribalta ai seguenti recapiti: 329 216 7636

Una magica avventura: Nessun posto è bello come casa mia

Il Teatro La Ribalta di Salerno si prepara a riaccendere le luci per accogliere i suoi spettatori più giovani con la tanto attesa rassegna “Piccole Emozioni“. Domenica 10 marzo c’è un’avventura straordinaria con “Nessun posto è bello come casa mia“, proposto dalla compagnia teatrale La Ribalta di Salerno.

LIBERAMENTE ISPIRATA AL CLASSICO “IL MAGO DI OZ”

Liberamente ispirata al classico “Il Mago di Oz“, la storia prende vita grazie alla regia di Valentina Mustaro. La trama segue le avventure di un gruppo di piccoli protagonisti in cerca di un luogo speciale che ognuno di noi porta nel cuore: casa. Attraverso ostacoli, incontri insoliti e momenti di paura; i nostri eroi impareranno il valore dell’amicizia, dell’accettazione di sé e degli altri e la forza insita nei propri sogni.

LE AVVENTURE DI DOROTHY

Le avventure della piccola Dorothy in un mondo fantastico in cui è stata trasportata da un ciclone. In compagnia di tre simpatici amici, il leone, lo spaventapasseri e l’omino di ferro, la protagonista sconfiggerà una brutta strega e conoscerà la verità sul misterioso mago di Oz.

PRE-SHOW: SAREMO ALBERI E BABY PLANET

Le tre repliche, previste per le 11:00 – 17:00 – 19:00, saranno introdotte da letture animate a cura della Libroteca Saremo Alberi o momenti di intrattenimento e animazione a cura della ludoteca Baby Planet.

Per info e prenotazioni: 329 216 7636

La città e il drago, il racconto di Gek Tessaro apre il 2024

Pronti a diffondere “Piccole emozioni” anche in questo 2024. Per la rassegna dedicata a bambini/e e famiglie c’è la compagnia La Ribalta con Antonio Carmando, Elena Pagano, Antonella Pastore e Marco Pisani. Gli attori salernitani porteranno in scena “La città e il drago“, il racconto di Gek Tessaro per la regia di Valentina Mustaro.

Trama

C’erano una volta due montagne. Su una stava la città. Sull’altra il drago, tanto grande quanto inoffensivo. Ma gli uomini, alquanto preoccupati della sua esistenza, gli dichiararono guerra e armati di spade e bastoni, iniziarono a litigare per chi l’avrebbe attaccato per primo.

Risultato: il Drago se la svignò inosservato e gli uomini presero a combattere tra loro per anni e anni, senza più ricordare quando e perché avessero cominciato.

Tematiche affrontate

Lo spettacolo riprende la favola raccontata da Gek Tessaro sviluppandola per la scena: il simpatico drago è un artista, ama cantare, suonare, ballare e recitare e stupirà i bambini con le sue doti e con la sua grande sensibilità. La vicenda teatrale tratterà anche temi diversi da quelli della favola originale: si parlerà dell’inquinamento, della diversità, dei luoghi comuni da sfatare. I soldati e il re rappresentano l’umanità con i suoi difetti, la superficialità e talvolta la stupidità nel pensare di affrontare le cose sempre e solo con la violenza. Il Drago farà riflettere i bambini su tutti questi temi, con leggerezza e delicatezza ma soprattutto con la poesia della musica.

Save the date

L’appuntamento è per domenica 14 gennaio (tre repliche alle 11:00 – 17:00 – 19:00). Tutti gli spettacoli saranno introdotti da letture animate a cura della libroteca Saremo Alberi o momenti di intrattenimento e animazione a cura della ludoteca Baby Planet.

Il Canto di Natale a chiudere il 2023 de La Ribalta

Ultimo spettacolo del 2023 al Teatro La Ribalta di Salerno. Chiudiamo questo anno con “Canto di Natale” per la rassegna Piccole Emozioni con la Compagnia Teatrale “La Ribalta” di Salerno. Un classico intramontabile, in una nuova rivisitazione a cura della regista Valentina Mustaro. L’appuntamento è per domenica, 17 dicembre, con tre repliche alle 11:00, 17:00, 19:00.

Canto di Natale, tratto dal romanzo di Dickens

È la vigilia di Natale e a Londra tutti si preparano a festeggiare, circondati dal calore della famiglia. Tutti tranne il vecchio Scrooge. Scrooge, che è un uomo molto ricco ma anche molto avaro, non ama il Natale, anzi, odia persino l’idea di divertirsi. Qualcosa però sta per cambiare: in questa notte magica tre incontri straordinari lo porteranno a diventare una persona nuova, capace di apprezzare le piccole grandi gioie della vita.

Per info e prenotazioni: 329 216 7636

Il Nuovo Viaggio di Capitan Fracassa, dopo il tour nazionale lo spettacolo ritorna a casa

Questa volta tocca a noi. Il 2 e il 3 Dicembre la Compagnia Teatrale La Ribalta ritorna in scena all’interno de I Diversi Volti del Teatro con lo spettacolo di commedia dell’arte Il Nuovo Viaggio di Capitan Fracassa, uno spettacolo prodotto nel 2017 e negli anni protagonista di diverse rassegne nazionali. Il testo completamente inedito, scritto e diretto dalla regista Valentina Mustaro, trae ispirazione dal noto film di Ettore Scola eppure presenta al pubblico uno spettacolo nuovo, pienamente calato nella nostra contemporaneità e al tempo stesso proiettato nella dimensione della tradizione dei comici dell’arte.  

Il Nuovo Viaggio di Capitan Fracassa: maschere, lazzi e metateatro

Attraverso le maschere, i lazzi e le trovate comiche di un genere sempre accattivante e coinvolgente Il Nuovo Viaggio di Capitan Fracassa parla al pubblico di temi forti mediante un linguaggio leggero e mai retorico, in un continuo metateatro che pone l’attenzione sul difficile lavoro dell’attore, spesso incompreso, denigrato e contrastato da una società distaccata e materialista. Lo spettacolo parla di una compagnia di attori che decide di intraprendere un viaggio allo scopo di emulare i comici dell’arte e tentare di portare gli spettacoli nelle strade, nelle piazze, tra la gente con l’intento di salvare il Teatro, luogo che la gente non frequenta più. Ma nel loro viaggio incontreranno un personaggio grottesco, Messer Qualazecca, un mercante attaccato al denaro e ai suoi possedimenti; tal Qualazecca imporrà ai comici dell’arte una serie di “tasse” e sanzioni da pagare in cambio della possibilità di continuare le loro rappresentazioni di strada. Sarà proprio “il denaro” rappresentato dalla figura del Messer a portare una serie di complicazioni ed equivoci nella compagnia e tra gli attori. Ma la bellezza dell’arte drammatica colpirà anche il Qualazecca che, a causa di diverse circostanze, si troverà improvvisamente davanti alla necessità di dover sostituire lui stesso uno degli attori della compagnia, pur di non perdere una cospicua somma di denaro. Nascerà così la figura di un capitano, buffo e combina guai, inetto e incapace sulla scena, un capitano che conquisterà il pubblico facendo un gran “Fracasso”. Insomma, il teatro comico trasformerà Messer Qualazecca il quale si ritroverà, quasi inconsapevolmente, a difendere questa arte passando da nemico a difensore della causa. 

Le parole dell’autrice e regista Valentina Mustaro

“Vogliamo ripartire da questo spettacolo a cui siamo particolarmente legati e che parla dell’attore e del nostro difficile lavoro, e con esso rivolgerci al pubblico. Solo grazie alla  presenza e al sostegno del pubblico possiamo portare avanti il nostro Teatro e il nostro progetto culturale. – spiega la regista Valentina Mustaro – Lo spettacolo pone l’attenzione su tematiche che mi stanno particolarmente a cuore, prima tra tutti la lotta tra ciò che un artista vuole realizzare attraverso i propri spettacoli in contrapposizione con le regole del mercato, la pressione del guadagno e dell’incasso al botteghino. Gli attori della storia si faranno ingannare dal facile guadagno e perderanno di vista i propri obiettivi artistici a discapito della qualità della performance. La questione è scottante e attualissima ed è fondamentale che il pubblico si renda consapevole di quanto la propria posizione sia fondamentale”.

Per info e prenotazioni: 329 216 7636

Solo chi sogna può volare, Le Piccole Emozioni ritornano con Peter Pan

Seconda stella a destra e poi dritti fino al Teatro La Ribalta di Salerno. Si apre anche la rassegna de “Le Piccole Emozioni” con “Solo chi sogna può volare”, tratta dalla storia per bambini di J.M. Barrie per la regia di Valentina Mustaro.

La trama

Londra, inizi 900. Nel ricco quartiere di Bloomsbury abita la famiglia Darling, composta dai coniugi Agenore e Mary e dai loro tre figli: Wendy (la maggiore), Gianni (il mezzano) e Michele (il minore). Mentre i genitori si stanno preparando per andare ad una festa dell’alta borghesia la casa è in subbuglio a causa dei giochi di Gianni e Michele, che recitano una storia di Peter Pan in lotta contro il malvagio Capitan Uncino e la sua ciurma di pirati che gli è stata raccontata dalla sorella. Quella notte i tre bambini ricevono la visita nella loro stanza di Peter Pan in persona, ritornato nella casa di Wendy (dove inoltre vi era stato altre volte ascoltando le fiabe della bambina) per poter recuperare la sua ombra, che gli era stata rubata dal cane-bambinaia di famiglia Nana. Egli insegna loro a volare con l’aiuto della sua amica fata Trilli e li porta con sé verso l’Isola che non c’è, un luogo dove i bambini non crescono mai e possono interagire con pellirosse e sirene.

I nostri partner

Tutti gli spettacoli saranno introdotti da letture animate a cura della libroteca Saremo Alberi o momenti di intrattenimento e animazione a cura della ludoteca Baby Planet.

Open day: è sempre bello tornare, ripartire!

È sempre bello tornare, ripartire! L’open day ha regalato tante nuove emozioni e conoscenze. Ecco il commento della direttrice del Teatro La Ribalta, Valentina Mustaro: “Nonostante il tempo ci abbia giocato qualche scherzo abbiamo avuto una grande partecipazione di bambini, ragazzi e adulti. Tantissimi curiosi e interessati hanno visitato il teatro, chiesto informazioni sulla nuova stagione, assistito al reading teatrale e alle presentazioni dei corsi. È stata una giornata piena di incontri, di strette di mano, di applausi ed emozioni: una giornata di Teatro. Grazie a tutti coloro che hanno contributo alla realizzazione di questo straordinario evento. Inizia da oggi il nuovo anno accademico 2023/24… merda merda merda!”

Al via la nuova stagione: ecco il programma completo

Tutto pronto per l’apertura ufficiale della stagione teatrale 2023/24 del Teatro La Ribalta che ancora una volta porta la firma della direttrice artistica Valentina Mustaro. Reduce dal lungo tour estivo, l’associazione culturale salernitana è pronta a riaprire le porte della struttura di via Salvatore Calenda.

I nuovi spazi del teatro

I curiosi e gli appassionati avranno anche la possibilità di visitare gli spazi del Teatro che da un anno a questa parte sono stati completamente rinnovati e migliorati (soprattutto con l’acquisto di nuove poltrone che hanno completamente rivoluzionato la “sala Eduardo”). Uno sforzo importante per una struttura in autofinanziamento che da undici anni, ormai, ha il solo scopo di promuovere la conoscenza del teatro in ogni sua forma e di avvicinare anche le nuove generazioni a questo mondo attraverso workshop, incontri, conferenze e corsi di formazione.  Riconfermato lo schema artistico dello scorso anno: 18 spettacoli, suddivisi ed organizzati in 2 cartelloni differenti. 

I Diversi Volti del Teatro

La prima certezza è sicuramente rappresentata dalla rassegna I Diversi Volti del Teatro, nata con l’intento di racchiudere il Teatro nelle sue diverse forme di spettacolo: dal musical alla commedia, dal dramma al cabaret passando per la pantomima. Il cartellone si suddivide in dieci spettacoli; La partenza e la chiusura sono affidate alla compagnia stabile del teatro, rispettivamente il 7 ottobre con Quei figuri di tanti anni fa e il 18 e 19 maggio con Mistake. Oltre questi due spettacoli, nel mezzo della rassegna la compagnia La Ribalta proporrà Il nuovo viaggio di Capitan Fracassa il 2 e 3 dicembre.

Spazio poi alla compagnia romana Cicolocchio spettacoli con la commedia brillante Una causa persa diretta da Angelo Sateriale. Successivamente sarà la volta di Cercamond di Napoli con Raccontami Shakespeare scritto e diretto da Andrea Cioffi. Grande ritorno poi per la compagnia Crescere insieme oltre il Teatro con Permettete un pensiero poetico? diretto da Clotilde Grisolia. Per la categoria teatro di prosa e clownerie da Potenza arriverà Luca Morelli. Inoltre, Imprevisti e probabilità con Storie ‘e nobbele, mbriacune e fullette miez’ ‘na tempesta per la regia di Raffaele Furno. Gioca in casa la compagnia salernitana de I Pappici con Il gioco delle parti. La kermesse si chiude con Giorgio Gori con Giorgio racconta Walter e Chiari si offende. 

Piccole emozioni

La punta di diamante de La Ribalta, che anche per questo nuovo anno proverà a far sognare i più piccoli con otto appuntamenti, che viste le numerose richieste saranno composti da tre repliche. La kermesse, acclamata da numerose famiglie della nostra città, vedrà la piena collaborazione della libroteca Saremo Alberi e della ludoteca Baby Planet che continueranno ad offrire al pubblico un pre-show con letture animate e momenti di intrattenimento.

Tra le novità e le riconferme troviamo la partecipazione al cartellone della compagnia La Bottega di Will, Crescere insieme oltre il Teatro e la compagnia Idea Live. Oltre che della compagnia La Ribalta con ben cinque spettacoli: Solo chi sogna può volare, Canto di Natale, La Città e il drago, Nessun posto è bello come casa mia, La vera bellezza si trova nel cuore.

La Scuola di Teatro

Accanto ai diversi cartelloni sopra indicati, il teatro La Ribalta da anni da ampio spazio alla scuola di teatro e alla formazione artistica attraverso i corsi di teatro suddivisi per età (Ludoteatro dedicato ai bambini dai 3 ai 7 anni; corso di teatro per bambini dagli 8 ai 12 anni; corso di teatro adolescenti per ragazzi dai 14 ai 17 anni e naturalmente la scuola di teatro per Adulti, suddiviso in principianti e avanzato). I corsi sono finalizzati all’ingresso di nuovi attori in compagnia e sono volti ad unire l’aspetto pedagogico dell’arte con quello formativo del teatro, attraverso lo studio di sé stessi, dei propri limiti, delle proprie emozioni e capacità; formando così attori consapevoli di sé e preparati ai diversi ruoli da interpretare.

Insomma, più che stagione teatrale è giusto parlare di “esperienza artistica” vista la vastità dell’offerta e la capacità di immersione all’interno di un mondo che continuamente ricerca la bellezza dell’espressione.