Tag: salerno

Covid, stop agli spettacoli di Gennaio

A malincuore ma con grande responsabilità, prendiamo atto dell’esponenziale crescita dei contagi e per questo motivo optiamo per il rinvio delle date previste per il mese di Gennaio. Non ci sono, invece, variazioni per le classi di Laboratorio.

Speriamo di rivedere la sala quanto prima. Restate connessi sulle nostre pagine per essere informati sulle date aggiornate.

Il disobbediente, la storia di Giuseppe

Domenica, 19 dicembre, alle 17.00 ritornano le Piccole Emozioni al Teatro La Ribalta di Salerno.
Sul palco ci sarà la libroteca Saremo Alberi per presentare Il Disobbediente – storia di Giuseppe, uno spettacolo di narrazione che racconta la storia del famoso falegname del Vangelo.

“Uno spettacolo che ripercorre la figura di un padre che si ritrova ad avere un figlio così importante. – spiega Francesco Cicale, membro di Saremo Alberi – Partiremo da un falegname giovane, quello che non viene raccontato dai Vangeli: un Giuseppe che ama e che sogna come qualsiasi ragazzo, una storia che lo rende umano e più vicino a noi. Grazie a lui, alla sua bellezza e alla sua leggerezza, scopriremo quanto sia importante ascoltare la voce del cuore.”

Insomma, una grande sinergia quella tra La Ribalta e Saremo Alberi che si rinnova anche in questa nuova stagione teatrale.

CLICCA QUI per prenotare!

“Lu cunto de li cunti” per un weekend da Commedia dell’Arte

Quinto appuntamento con la rassegna I Diversi Volti del Teatro

Nuovi appuntamenti per la rassegna “I Diversi Volti del Teatro”. Il prossimo fine settimana, 11 e 12 dicembre, ritorna la Commedia dell’Arte al Teatro La Ribalta di Salerno con “Lu Cunto de li Cunti”. Lo spettacolo di Valentina Mustaro parte da un’attenta rilettura e rielaborazione del testo di Giambattista Basile, la famosa raccolta di storie e fiabe della tradizione popolare. La Compagnia La Ribalta porterà sul palco Antonio Carmando, Michele Cicchetti, Valentina Mustaro, Elena Pagano e la partecipazione straordinaria di Utungo Tabasumu.

Note di regia

La versione dello spettacolo scritta dalla regista Valentina Mustaro è ambientata in un cantiere aperto, un vicolo di un quartiere popolare, in un tempo imprecisato. Elementi moderni e passati convivono insieme sulla scena: una scala d’acciaio, un trabattello, secchi di pittura, di plastica, scope, bidoni. Tutto a rappresentare un ambiente in costruzione ma trasmettono anche un senso di abbandono e di solitudine. Giunge in questo luogo, come un deus ex machina, una maschera, un attore, che tenta di richiamare l’attenzione della gente ma resta amaramente deluso nel trovare la strada stranamente silenziosa e vuota. Decide quindi di recitare un monologo, il testo del bando emanato dal Principe di Camporotondo, il quale si dice sia alla ricerca delle donne più chiacchierone per raccontare le storie del popolo alla principessa nei 4-5 giorni che la separano dal parto. Il monologo della maschera è lanciato come un’esca alla quale abbocca pian piano la gente del vicolo, che inizia a passarsi la voce, a scendere in piazza e a riportare in vita i detti, le storie della tradizione, mettendo in piazza i propri panni, le vesti, gli indumenti e utilizzandoli poi in un gioco di metateatro nel quale il popolo è narratore e attore allo stesso tempo. Lo stile della messa in scena è quello tipico della commedia dell’arte: i personaggi indossano maschere, adoperano diversi dialetti, compiono lazzi e trovate acrobatiche, ironizzato sulla storia e spesso la stravolgono ponendosi sempre a metà tra il passato e il moderno. Infine, la regista sceglie di chiudere lo spettacolo così come è iniziato, secondo uno schema circolare, che è un chiaro riferimento alla circolarità dell’opera stessa, ma con la differenza che alla fine della rappresentazione la scena non sarà più abbandonata e silenziosa; bensì sarà di contro una scena viva poiché grazie al raccontare “si spaurano gli affanni, si da sfratto ai momenti fastidiosi e s’allonga la vita”.  Così la “maschera”, l’attore, può allontanarsi contenta vedendo come adesso la gente sia rinata e in piena energia, pronta a riprendere a raccontare “Lu cunto de li cunti”.

Sinossi spettacolo “Lu cunto de lu cunti”

La famosa raccolta di storie e fiabe della tradizione polare che porta la firma di Giambattista Basile, detta anche Pentamerone poiché tramanda 50 racconti. La cornice narrativa costituisce il primo di questi racconti, da cui scaturiscono gli altri quarantanove; alla fine, con l’ultima fiaba, si ritorna alla vicenda principale, che ritrova la sua conclusione.

Il racconto della cornice, infatti, narra la vicenda della principessa Lucrezia, detta Zoza, che si trova nella condizione di non riuscire più a ridere. Invano il padre si sforza di strapparle un sorriso, facendo venire a corte una gran quantità di saltimbanchi, buffoni e uomini di spettacolo: Zoza non riesce ad uscire dal suo perenne stato di malinconia. Un giorno, però, mentre si trova affacciata alla finestra della sua stanza, scoppia a ridere allorquando vede una vecchia cadere e poi compiere un gesto osceno di rivalsa e di protesta. La vecchia si vendica della risata della giovane principessa con una maledizione: Zoza potrà sposarsi solo con Tadeo, un principe che a causa di un incantesimo giace in un sepolcro in uno stato di morte apparente, e che riuscirà a svegliarsi solo se una fanciulla riuscirà a riempire in tre giorni un’anfora con le sue lacrime. Zoza inizia l’impresa; l’anfora è quasi colma quando ella, stremata dalla fatica, si addormenta. È allora che una schiava moresca si sostituisce a lei, versando le ultime lacrime in modo da svegliare il principe, e si fa sposare. Zoza, però, riesce a infondere nella schiava il desiderio di ascoltare fiabe, e dà l’incarico a dieci ripugnanti vecchie di narrare una novella ciascuna al giorno, per cinque giorni. Alla fine, Zoza si sostituisce all’ultima novellatrice, raccontando la propria storia come ultima novella. Così il principe viene a conoscenza dell’inganno che gli è stato teso, condanna a morte la schiava moresca e sposa Zoza.

Il Focus dello spettacolo è proprio sulla cornice narrativa del romanzo che rappresenta il “racconto dei racconti” poiché contiene in sé il motore di tutte le storie ed evidenzia l’importanza del narrare e della sua funzione catartica. Come sostiene il Principe quando emana il bando: solo attraverso il raccontare si può superare gli affanni dalla vita quotidiana, liberarsi dai pensieri fastidiosi e vivere in eterno, tramandano quei racconti di persona in persona.

Il biglietto, come è ormai consuetudine, è prenotabile sul sito ufficiale del Teatro La Ribalta di Salerno (https://www.teatrolaribaltasalerno.it/botteghino-online/).

Laboratorio di Teatro Integrato

Dicembre porta con sé il Natale e nuovi doni, anche al Teatro La Ribalta. Infatti, solo per il mese di Dicembre sarà possibile partecipare ad un LABORATORIO DI TEATRO INTEGRATO a cura di Valentina Mustaro. L’appuntamento è per ogni lunedì e mercoledì dalle 18:30 alle 20:30. Un progetto d’inclusione sostenuto da SODALIS CSV SALERNO per bambini e ragazzi dagli 8 ai 17 anni.
Il Teatro La Ribalta si pone così, ancora una volta, dalla parte del talento oltre qualsiasi barriera!

Che cos’è il LABORATORIO TEATRALE INTEGRATO?

è un laboratorio, uno spazio espressivo, che tiene conto di tutti gli aspetti emotivi necessari per la crescita individuale e per formare quella base di conoscenze che poi rendono possibili un vero ed efficace apprendimento. Tutto ciò, con una caratteristica fondamentale: è rivolto a tutti. Nessuno è escluso. Con il suo lavoro, Valentina Mustaro amplia l’offerta formativa dei giovani con attività teatrali e culturali che coinvolgono ragazzi con disabilità e con bisogni speciali.

Il Pigmalione di Napoli

Un nuovo fine settimana si avvicina e si accendono anche le luci sul palco del teatro La Ribalta di Salerno. Il 20 e il 21 Novembre ritorna la rassegna I DIVERSI VOLTI DEL TEATRO e lo fa ospitando la Compagnia teatrale Crescere Insieme oltre il Teatro con lo spettacolo Il Pigmalione di Napoli.

La commedia in due atti, liberamente ispirata al Pigmalione di Ovidio, vede la regia di Clotilde Grisolia.

La storia racconterà di due professori, così convinti delle proprie abilità che pretendono di trasformare e cambiare lo stile di vita e il modo di parlare di tre pescivendole dei bassifondi napoletani. Tanti i personaggi esilaranti e le risate, anche se non mancherà un momento di riflessione su quello che può essere la diversità.

Il biglietto, come è ormai consuetudine, è prenotabile sul sito ufficiale del Teatro La Ribalta di Salerno (https://www.teatrolaribaltasalerno.it/botteghino-online/).

Dentro Fuori… spazio alle emozioni!

Quanto è importante (ri)conoscere le proprie emozioni per trovare un giusto equilibrio nella nostra vita? Scopriamolo insieme domenica, 14 novembre, con lo spettacolo “Dentro Fuori… spazio alle emozioni!”. Uno show che vedrà impegnata la compagnia La Ribalta di Salerno in tre repliche: 11.00, 17.00, 19.00.

“Dentro Fuori… spazio alle emozioni!” è stato ideato e scritto dalla regista Valentina Mustaro e prende ispirazione dalla struttura del film d’animazione “Inside out”. Lungometraggio del 2015, dove la piccola Riley è guidata dalle proprie emozioni: Gioia, Paura, Rabbia, Disgusto e Tristezza, che vivono nel Quartier Generale, il centro di controllo nella mente, da dove l’aiutano ad affrontare la vita di tutti i giorni.

In un primo momento lo spettacolo presenta le emozioni, come sono nate pian piano che Riley cresceva e quali sono le loro funzioni nella vita della bambina; questo momento introduttivo è importante per definire le premesse del racconto e per spiegare ai piccoli spettatori, con un linguaggio semplice ed efficace, cosa sono e a cosa servono le emozioni. Ma una volta che la Gioia, la Tristezza, la Paura, la Rabbia e il Disgusto si sono formate e tutto sembra andar bene accade nella vita di Riley qualcosa di inaspettato. È qui che la mano della regista Mustaro inserisce un nuovo elemento rispetto alla storia originaria: arriva per Riley la notizia di una pandemia, una malattia che sta collezionando contagi velocemente e costringerà la piccola a rimanere chiusa in casa, senza poter andare a scuola, coltivare le proprie amicizie o le proprie passioni. Questo inaspettato evento vedrà la reazione delle emozioni che in preda al panico cercheranno di “prendere spazio” sentendosi anch’esse soffocate da questa chiusura improvvisa che interrompe il naturale proseguimento della vita della bambina. Come reagiranno le emozioni? Cosa proverà Riley? In che modo la tempesta sarà superata?

Lo spettacolo vuole interpretare e in parte esorcizzare il particolare momento vissuto dai bambini durante la diffusione della pandemia da Covid-19; attraverso l’immedesimazione i piccoli spettatori potranno rielaborare dei vissuti personali e grazie alla magia del Teatro, alla sua forza catartica, riconoscerli e superarli riscoprendo quella forza interiore, quel “sole che scaccia la tempesta”.

Impronte digitali, il testo inedito di Thomas Mugnano

Nel dramma si evincerà tantissima verità sul maltrattamento dei detenuti nelle carceri

Si accendono le luci del Teatro La Ribalta di Salerno, che in questo fine settimana ospiterà l’associazione culturale e teatrale I MATT…ATtORI di Roccarainola con lo spettacolo inedito “Impronte digitali”, scritto e diretto da Thomas Mugnano

L’appuntamento previsto nella rassegna “I Diversi Volti del Teatro” è fissato per sabato 23 ottobre alle 21:00 e domenica 24 ottobre alle 19:00

“Io ho scritto nella mia vita 12 commedie, questa è la prima volta che mi soffermo su un dramma. – afferma l’autore Thomas Mugnano – A volte nella vita si pensa erroneamente che tutto ci sia dovuto e che tutto sia scontato. Non è così. Ed è il caso del protagonista di questo mio ultimo componimento teatrale dal titolo “Impronte digitali” che vede la gentilezza, la bontà, la correttezza e la tranquillità di un uomo messa a dura prova da un incredibile ed inverosimile errore giudiziario. Il nostro protagonista si troverà, dalla sera alla mattina, a vivere dal tepore amorevole del suo nucleo familiare ad un inferno concreto e psicologico che mai si sarebbe aspettato”.  

Nel dramma si evincerà tantissima verità sul maltrattamento dei detenuti nelle carceri, la sudditanza delinquenziale che verrà crudelmente fatta valere utilizzando talvolta anche metodi poco ortodossi. Il tutto non escluderà sul finale tanti colpi di scena.  

Per info e prenotazioni: 089 9958245 – 329 2167636 

Per restare sempre aggiornati su tutte le novità, ma anche avere informazioni sugli orari dei singoli spettacoli, la disponibilità dei posti e gli abbonamenti potete consultare la nostra pagina Facebook ufficiale (Teatro La Ribalta di Salerno). 


Ufficio Stampa
Teatro La Ribalta 

Via Salvatore Calenda, 98 

La bambinaia magica, segna il ritorno delle Piccole Emozioni

Dopo le numerose ripartenze e la possibilità di riaprire la sala al 100%, siamo pronti ad inaugurare la rassegna PICCOLE EMOZIONI, la punta di diamante de La Ribalta, che anche per questo nuovo anno proverà a far sognare i più piccoli con otto appuntamenti, che viste le numerose richieste saranno composti da tre repliche nella stessa data (ore 11.00 – 17.00 – 19.00).

L’appuntamento è per Domenica, 17 ottobre, con LA BAMBINAIA MAGICA. Lo spettacolo è tratto dai libri di P. L. Travers. Una magica tata inglese, vola giù dal cielo soffiata dal vento dell’est, arriva alla casa dei Banks al numero 17 del viale dei Ciliegi, a Londra, dove viene assunta come bambinaia dei fratelli Jane, Michael, John e Barbara Banks e insegna loro lezioni preziose con una gentilezza sregolata.

“Nel nostro caso abbiamo voluto invece porre l’attenzione sulla figura del papà, che sembra autoritario e distaccato – spiega la regista Valentina Mustaro – ma che in realtà si trova in un momento di smarrimento poiché ha perso il contatto con quello che era il suo io bambino”.

Questa perdita è dovuta alle responsabilità e ai numerosi impegni della quotidianità che, come succede a tutti noi, fanno accantonare il bimbo che vive in tutti noi, portandoci a non comprendere più il mondo dei più piccoli.

“E proprio grazie alla bambinaia magica – conclude la regista – che l’uomo riuscirà a ritrovare la bellezza dei più piccoli e della famiglia. Il nostro simbolo è quello dell’aquilone, come simbolo del gioco e della spensieratezza che non dovremmo mai accantonare bensì far tornare a volare”.

Botteghino online: https://www.teatrolaribaltasalerno.it/botteghino-online/

Per maggiori informazioni: 329 216 7636

Centri estivi, vivi la tua Estate

L’Associazione La Ribalta è parte del progetto “CENTRI ESTIVI”, iniziativa a titolarità dell’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Salerno.

Le attività (COMPLETAMENTE GRATUITE) saranno svolte presso ambienti adeguati alle normative vigenti e dedicate alla fascia d’età compresa dai 3 ai 17 anni:

  • Centro Ludico Didattico “Dipark”  viale Gennaro Musella, Salerno
  • Piscina Complesso Sportivo F6 – via Salvador Allende
  • Oasi Didattica “Vivi Natura” Lago Sele – S. Cecilia loc. Torretta, Eboli

Il titolo del progetto da inserire nel modulo di iscrizione è “Estate, arte, movimento & creatività”.

Per info e iscrizioni: https://bit.ly/3hJhQGu

Aggiungi un posto a tavola

“… Se sposti un po’ la seggiola, stai comodo anche tu”, quindi non mancare venerdì, 11 giugno, alle ore 20.00 al Teatro La Ribalta di Salerno con il Saggio di fine anno AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA. 🎭

Sul palco ci saranno i giovanissimi del nostro teatro, aspiranti attrici e attori tra i 10 e i 18 anni che finalmente porteranno in scena il lavoro di fine anno accademico 2020/21.

Per info 329 216 7636.